Pacciamatura viva Zafferano

pacciamatura viva zafferano

Dopo aver faticato non poco lo scorso anno a difenderci dalla piaga delle piante infestanti, e nel rispetto della nostra decisione di adottare un metodo di coltivazione biologica, quest’anno abbiamo deciso di provare ad adottare la tecnica della pacciamatura viva dello zafferano , o “cover crop” (letteralmente “coltura da copertura”).

In genere le colture di copertura vengono adottate per contrastare il fenomeno dell’erosione del terreno e per evitare la perdita di elementi nutritivi causata dalla pioggia. A seconda del tipo di pianta scelto, possono anche migliorare la biodiversità del sistema: i fiori possono attirare insetti come le api, e possono fornire riparo ad insetti “utili” che si nutrono degli insetti dannosi.

Per le colture di copertura volte a contrastare la crescita delle piante infestanti, vengono ingenere utilizzate delle varietà di piante caratterizzate da una rapida germogliazione e crescita e da una buona aggressività, che consente loro di vincere la competizione per l’acqua e i nutrimenti con le piante infestanti.

Come pianta da utilizzare per la pacciamatura viva dello zafferano in copertura abbiamo scelto il trifoglio sotterraneo, una leguminosa da sovescio. La tecnica del sovescio consiste nell’interramento di alcune culture con lo scopo di migliorare la fertilità del terreno: le piante appartenenti alla categoria delle leguminose, se utilizzate per il sovescio, hanno la caratteristica di aumentare la dotazione di azoto presente nel terreno.

Tra tutti i diversi tipi di trifoglio disponibili, abbiamo scelto quello sotterraneo in base alle sue caratteristiche principali. Il trifoglio sotterraneo è una pianta di taglia bassa che si sviluppa poco in altezza, perciò non dovremo preoccuparci di doverlo sfalciare; ha inoltre radici poco profonde, per cui non rischiamo che vada ad interferire con lo sviluppo dei bulbi, ed è la varietà di trifoglio meno sensibile al freddo – cosa che può sembrare strana, dato che i semi da noi acquistati sono stati importati dall’Australia!

Lascia un commento

avatar